FAIMMAC

Il Progetto FAIMMAC (Fishery and Aquaculture Integrated Management Model Along the Adriatic Costs)  - Modello di gestione integrata della pesca e dell’acquacoltura lungo le coste dell’Adriatico, è finanziato dal Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e la Pesca nell’ambito del bando "Projects in the context of the Integrated Maritime Policy in the Black Sea and/or Mediterranean Sea regions” (EASME/EMFF/2015/1.2.1.7/02/SI2.735915).



Il progetto mira a stimolare operatività produttive compatibili con l’ambiente, che sappiano offrire modelli gestionali capaci di penetrare in mercati potenzialmente ancora aperti (a livello regionale, nazionale ed internazionale), attraverso la promozione della gestione integrata dell'ostrica piatta (Ostrea edulis), un mollusco bivalve nativo d’Europa che si trova solitamente in natura nel mare Adriatico, ma scarsamente o affatto utilizzato ai fini di acquacoltura.



Obiettivi specifici




  • Facilitare il match-making tra gli operatori economici e gli enti di ricerca del settore marittimo dei vari territori e promuovere la creazione di partnership industriali e di ricerca intersettoriali e trans-disciplinari nella produzione di ostriche piatte nel bacino del mare Adriatico;

  • Diversificare e migliorare la produzione di impianti di maricoltura, attraverso l'introduzione dell’ostrica piatta, adottando politiche per proteggere la biodiversità e comportamenti ecocompatibili.

  • Sviluppare strategie standardizzate per ottenere i giovanili dall’ambiente naturale; testare tecniche di finissaggio e ingrasso di ostriche prelevate da banchi naturali, in impianti long-line.

  • Sviluppare consapevolezza sulla sostenibilità delle produzioni di Ostrea edulis (dal punto di vista economico, qualitativo e delle patologie);

  • Favorire la diversificazione socio-economica e lo sviluppo di servizi alternativi e/o complementari.





Le attività progettuali prevedono l'identificazione di banchi naturali di ostriche e l'attuazione di un progetto pilota presso un impianto di mitilicoltura situato lungo le coste abruzzesi con l’obiettivo di testare soluzioni innovative di raccolta e allevamento delle ostriche, migliorare le infrastrutture esistenti di allevamento in mare e ottimizzare i metodi di gestione post-raccolta.



Le azioni scientifiche e tecniche saranno affiancate da un'intensa campagna di comunicazione e informazione finalizzata a coinvolgere una varietà di attori provenienti dai settori pubblico e privato e dal mondo scientifico, al fine di facilitare il networking a sostegno dell’attuazione di una politica marittima integrata.



L’output principale del progetto sarà rappresentato da linee guida per la produzione sostenibile di ostriche piatte attraverso tecniche e processi innovativi, dalla raccolta del novellame al trattamento post-raccolta.

 



La durata è di 24 mesi (1 settembre 2016 – 31 agosto 2018), la partnership, oltre che dal C.I.R.S.PE. (coordinatore) è composta da:



-UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO - FACOLTÀ DI MEDICINA VETERINARIA

-CROATIAN VETERINARY INSTITUTE

-S.I.L.MAR. SOCIETÀ INDUSTRIE LAVORAZIONI MARITTIME S.R.L